Martijn Arets sull'economia delle piattaforme | Flexcast Ep. 3

In questo articolo del blog potete leggere la trascrizione ridotta del nostro Flexcast, il podcast su #flexibleresourcing e #flexiblework! Questo terzo Flexcast è una conversazione con il nostro ospite Martijn Arets, esperto di piattaforme.

Gabi: Ciao a tutti e benvenuti al Flexcast. Il podcast che approfondisce il tema del flexible resourcing e del lavoro flessibile. In più puntate nelle prossime settimane, metteremo in luce diversi aspetti rispondendo a domande sui vantaggi, le sfide, le tendenze, la tecnologia e il futuro del lavoro flessibile.

Nelle prime due puntate abbiamo spiegato brevemente in cosa consiste il flexible resourcing. Se non l'avete ancora fatto, vi invitiamo ad ascoltare le prime due puntate per familiarizzare con questo concetto e scoprire cosa significa e cosa fa per le aziende.

Nei prossimi due episodi ci concentreremo maggiormente sul lato dei lavoratori delle piattaforme flessibili. Mi chiamo Gabriella e sono la vostra conduttrice di Flexcast. Con me oggi ci sono Wiggert de Haan, cofondatore di Roamler e il nostro ospite Martijn Arets, esperto di piattaforme. In qualità di esperto di piattaforme, Martijn esamina gli sviluppi del mercato, sfida gli attori delle piattaforme, espone i dilemmi e ha una visione chiara del futuro del lavoro.

L'ospite perfetto per cercare di trovare una risposta alla domanda di questo episodio: Quali sono le tendenze attuali dell'economia delle piattaforme e dei suoi utenti?
Chi è pronto? Iniziamo. Benvenuti a Wiggert e Martijn e grazie per esservi uniti a noi oggi. Martijn, lei è un esperto di economia delle piattaforme, può descriverci brevemente cosa fa quotidianamente?

Martijn: Grazie per avermi invitato. E sì, alla base di ciò che faccio c'è la ricerca su diversi argomenti della piattaforma. Anche insieme a tutte le parti interessate nei dibattiti. Penso molto alle piattaforme, ne scrivo quotidianamente. Quindi, in generale, mi occupo di diverse questioni relative alle piattaforme e alla gig economy, concentrandomi soprattutto sulla questione di come far funzionare l'economia delle piattaforme per tutti.

Gabi: Perché ha deciso di tuffarsi nel mondo della platform economy?

Martijn: Potrebbe essere un percorso strano, ma ho un background nel marketing e negli eventi e nel 2010 ho lasciato il mio lavoro per seguire il mio sogno. Così ho viaggiato per cinque mesi in Europa con un vecchio Volkswagen T2 Van, parlando con i leader di 20 grandi marchi europei come Alessi, Lego, Manchester United, Mini, Adidas, Skype. Quando sono tornato a casa, ho fondato la mia società e ho scritto un libro, Brand Expedition, sulle mie interviste ai marchi.

Gabi: Va bene. E sono curiosa, perché il tuo interesse è iniziato con il crowdfunding, ma ora si è spostato verso il lavoro tramite piattaforme in modo crowdsourcing, credo.

Martijn: È più che altro il mio interesse, il crowdfunding è solo una piattaforma che mette in contatto la domanda e l'offerta, crea fiducia e poi facilita anche una transazione. Da lì ho guardato in modo più ampio all'economia delle piattaforme, perché questo modello di piattaforma funziona in diversi mercati.

Gabi: E perché, secondo te, le persone scelgono di lavorare attraverso le piattaforme, Martijn? Quali sono le loro motivazioni e quali opportunità offre loro?

Martijn: Credo che la cosa migliore da fare sia chiederlo a loro stessi. Ma quello che sento dire dalle persone che lavorano attraverso le piattaforme è che apprezzano molto la flessibilità e l'autonomia del lavoro attraverso la piattaforma, perché normalmente i processi organizzativi sono davvero concentrati sul processo e sull'organizzazione e non sull'individuo.

Gabi: Hai fatto un'azione di crowdfunding per il tuo libro dieci anni fa, ma oltre a questo, hai lavorato tu stessa attraverso una piattaforma?

Martijn: Non ho lavorato tramite piattaforme. Ho assunto persone tramite le piattaforme e anche nelle diverse sezioni delle piattaforme. Ho investito in circa 400 casi diversi solo per imparare come funziona il processo. Ho anche realizzato in totale 4 campagne di crowdfunding con la sharing economy.

Gabi: Wiggert, in base alla tua esperienza, senti queste motivazioni anche dai lavoratori delle piattaforme? Quindi la flessibilità e l'autonomia di cui parlava Martijn?

Wiggert: Penso che la flessibilità a casa e molte altre ragioni, per esempio, le persone possono anche svilupparsi attraverso le piattaforme. Quindi, è possibile svolgere i compiti in cui si è davvero bravi, il che significa anche autonomia, ovviamente. Quindi sì, credo che queste siano le ragioni più importanti per cui le persone lavorano attraverso le piattaforme.

Gabi: E Martijn, ovviamente ogni nuovo sviluppo ha le sue sfide. Quali sfide devono affrontare i lavoratori delle piattaforme?

Martijn: Credo che la sfida sia che il lavoratore su piattaforma non esiste come il freelance o il datore di lavoro o altro. Si tratta quindi di una popolazione molto diversa. Alcuni lo usano come reddito principale, altri lo usano solo per avere qualche soldo in più per comprare la birra. In generale, le sfide della gig economy riguardano l'impatto dell'algoritmo nell'assegnazione del lavoro alle persone.

Gabi: Wiggert, come pensi che le piattaforme possano affrontare queste sfide?

Wiggert: Penso che ci siano diversi modi di affrontare le sfide e naturalmente dipende dal lavoratore della piattaforma con cui si ha a che fare perché, come ha detto Martijn, ci sono diversi tipi di lavoratori della piattaforma. Ma credo che in generale abbiamo l'obbligo di aiutarli dove possiamo per lavorare in sicurezza e in modo corretto. Quindi, ad esempio, se siamo in grado di fornire assicurazioni o di aiutarli a mettere da parte dei risparmi per il futuro, sono cose che dovremmo assolutamente considerare senza mettere a repentaglio la loro libertà.

Martijn: Penso che le aziende piattaforma abbiano le loro sfide e anche le loro domande. Quindi, cosa fate? Cosa non facciamo? Penso che la caratteristica tipica delle piattaforme sia quella di avere un atteggiamento di facilitazione del lavoratore. Una piattaforma è una sorta di intermediario tra un gruppo molto grande di domanda e di offerta e, poiché le piattaforme sono davvero i nuovi intermediari all'interno di questo mercato normalmente frammentato, ci sono anche opportunità per sfruttare davvero questi vantaggi di abilità.

Gabi: Ma tutto sommato, quello che sento dire è che i lavoratori delle piattaforme hanno molti vantaggi dal lavorare attraverso queste piattaforme e che sono davvero centrali nei modelli di business di queste piattaforme, giusto?

Martijn: Sì e no. Penso che dipenda sempre dalle piattaforme. E con le unità di lavoro parlo anche del fatto che alcuni lavori su piattaforma sono il tipo di lavoro che era già precario prima delle piattaforme e che sarà sempre precario, come le pulizie a domicilio o le consegne di cibo a domicilio, e la possibilità che la situazione nei mercati fosse già pessima e ovviamente questo non dà alle piattaforme la libertà di essere anche un datore di lavoro migliore.

Wiggert: Cosa pensa di come i sindacati reagiscono a queste piattaforme? Per esempio, nell'aiutare le famiglie?

Martijn: Penso che stiano scegliendo la strada più facile, sostenendo che avere un contratto è la cosa migliore che ti possa capitare come lavoratore. Stanno promuovendo il modello delle agenzie interinali. Quindi, la cosa che sostengono è che, finché si assumono persone, tutto va bene. E questo non si applica solo all'ambiente della piattaforma, ma anche all'ambiente dei lavoratori. Ad esempio, nei magazzini di Amazon o bol.com c'è anche molta tecnologia e algoritmi che prendono decisioni sui lavoratori. Penso quindi che i sindacati non si assumano la responsabilità di mettere all'ordine del giorno i problemi reali e si concentrino solo su alcune questioni che non sono la soluzione. Capisco anche perché è più facile ottenere l'attenzione dei media quando si vince una causa in tribunale, ma alla fine la domanda è: ok, ma per chi lo state facendo? L'assistenza è in concorrenza con i mercati informali e le associazioni sindacali ignorano i mercati informali.

Wiggert: Se si intende vietarlo attraverso la piattaforma, gli addetti alle pulizie domestiche lavoreranno con le persone senza nemmeno pagare le tasse o essere in vista delle persone.

Martijn: Sì, l'alternativa per le pulizie domestiche di helplink è il mercato informale, non un'impresa di pulizie.

Wiggert: Quindi come potrebbero risolvere il problema? Cosa dovrebbero fare i sindacati?

Martijn: Penso che sia più onesto riguardo ai problemi reali. Ho tenuto un discorso alla conferenza CNW, che è molto importante nei Paesi Bassi, poco prima del COVID, e ho esordito dicendo: "Dite che state lottando contro un'occupazione fasulla, ma credo che stiate promuovendo una sicurezza fasulla, perché quando l'alternativa è un contratto temporaneo di breve durata, non avete alcuna sicurezza". Quindi penso che ci si debba concentrare di più sul lavoratore e non solo sulla forma del contratto.

Wiggert: La mia opinione è: diciamo che i lavoratori della piattaforma non sono realmente rappresentati dal sindacato. Quindi stanno raccogliendo il guanto e stanno combattendo per il loro caso. È d'accordo su questo? Che i lavoratori della piattaforma non sono realmente rappresentati dal sindacato? E se o in caso contrario, come possiamo assicurarci che siano rappresentati? Perché credo che, come ha detto lei, ci siano così tanti lavoratori delle piattaforme diversi. Trovo che sia davvero difficile rappresentarli o assicurarsi che siano rappresentati.

Martijn: Sì, bella domanda, perché credo che i sindacati nei Paesi Bassi abbiano già una sfida nel rappresentare i lavoratori. Perché se si guarda alla popolazione che viene presentata, si tratta di una popolazione molto anziana con contratti molto stabili. Quindi hanno molto da perdere quando le cose cambiano. E i sindacati non rappresentano i lavoratori flessibili e stanno già combattendo contro tutto ciò che ha a che fare con la flessibilità.

Wiggert: Come possiamo risolvere questo problema? Perché credo che nel vecchio modo di lavorare, se fossi iscritto a un sindacato, lo farei nel tempo del capo e probabilmente otterrei anche del tempo dal mio capo per essere attivo per il sindacato. Ma questo ovviamente non c'è con i lavoratori delle piattaforme, perché per tutto il tempo in cui lavorano non hanno il tempo o non vengono pagati per ricomporsi e rappresentarsi.

Martijn: Credo che al momento i sindacati abbiano una buona storia da raccontare. Come nel caso dei sindacati tradizionali, anche i grandi datori di lavoro pagano una parte dei contributi per loro. Quindi stanno anche pensando a come risolvere questo problema, perché credo che il principale problema di fondo sia che la storia della soluzione non riflette le esigenze dei lavoratori, anche al di fuori dell'economia della piattaforma, che ovviamente è una finzione, perché l'idea del concetto di sindacato è quella di creare un campo di gioco più equo tra le persone che vogliono lavorare e quelle che offrono lavoro. È per questo che li si tiene responsabili di non assumersi le proprie responsabilità.

Wiggert: Capisco quello che dici e penso che potrebbe essere una soluzione. Allo stesso tempo, credo che le piattaforme non debbano cercare di possedere il lavoratore, per così dire. Quindi mi piace molto se un Roamler utilizza anche i nostri concorrenti, perché questo rende il loro compito più significativo. Quindi lasciamo che sia Roamler o il lavoratore della piattaforma a decidere quale piattaforma utilizzare. Senza essere tenuti in pugno da noi e cercare di legarli a noi offrendo loro dei servizi e avendo poi tutte quelle parti di servizi con piattaforme diverse.

Martijn: Non dico che sia la soluzione migliore, quella di rendere le unità di lavoro il datore di lavoro. Ma il vostro modo di pensare con Roamler e il modo di agevolare il lavoratore è completamente diverso dal tradizionale matchmaking nei mercati del lavoro. Come nel caso delle agenzie di collocamento, che si concentrano sulla proprietà del candidato e dei dati. Le piattaforme, invece, pensano molto di più a come facilitare il lavoro. E naturalmente ci sono piattaforme diverse con background diversi e intenzioni diverse. Ma in generale, e questo è forse anche un problema di discussione, le piattaforme sono molto più attente a come facilitare il processo: Si discute anche di Uber e Deliveroo, ma sono solo uno dei tanti aspetti del panorama delle piattaforme.

Gabi: Passiamo alla prossima domanda sul Gig CV. In collaborazione con diverse piattaforme, avete recentemente lanciato Gig CV, un curriculum digitale per i lavoratori delle piattaforme in cui possono facilmente recuperare i loro dati per future opportunità di lavoro. Come è nato questo progetto?

Martijn: Sono da tempo attivo nel dibattito sulle piattaforme e sulla gig economy e stavo cercando di capire: Quali sono le principali sfide e domande della gig economy? Quello che ho visto: Le piattaforme sono una soglia davvero bassa per le persone che entrano nel mercato del lavoro, perché è come con Roamler... se vuoi lavorare 30 minuti al mese, va bene. E non ci sono datori di lavoro tradizionali che vogliono assumerti per 40 minuti al mese o forse per 40 minuti all'anno. Lo stesso vale per Airbnb, dove si può affittare la propria camera per una notte all'anno. Questo offre davvero molte opportunità alle persone di entrare nel mercato del lavoro, di fare esperienza nel mercato del lavoro e di lavorare in diversi settori. Dall'altro lato, si è visto che le persone che lavorano attraverso le piattaforme stanno costruendo una serie di dati all'interno della piattaforma che le aiutano a ottenere più lavoro e, a volte, anche una retribuzione migliore. Questo è dovuto alle valutazioni che ottengono, ma anche ai dati più funzionali. Perché questo dà davvero fiducia alle persone che vogliono assumerti tramite la piattaforma. Quindi ho pensato: ok, perché non dare questi dati anche al lavoratore? Così ho fatto una ricerca di un anno, finanziata da alcune piattaforme, dai sindacati e da altre istituzioni, su quali siano le opportunità di questo sistema e quali siano i vantaggi per i lavoratori: Quali sono le opportunità in questo senso e cosa è già stato provato e perché gli altri hanno fallito? Quindi, durante un incontro nell'ottobre 2020 con molte piattaforme, c'è stata una risposta positiva all'idea. Poi ho pensato che, poiché c'erano ancora molte domande e anche il dibattito sulla portabilità dei dati si è già formato sulla base di molte ipotesi e il modo per convalidare le ipotesi è semplicemente farlo. Per trovare un modo in cui le piattaforme possano condividere questi dati all'interno di una versione digitale realizzata con i Gig-workers.

Gabi: Mi sembra logico che le loro esperienze valgano qualcosa e che ci sia qualcosa là fuori in cui possano convalidare le esperienze che hanno accumulato lavorando attraverso diverse piattaforme. Quindi questa è una delle soluzioni adatte alle sfide che i lavoratori delle piattaforme devono affrontare?

Martijn: Penso che potrebbe essere una soluzione, perché alla fine stiamo ancora convalidando. Quindi la domanda è: certo, è bello dare al lavoratore i suoi dati, ma qual è il valore e se dà anche maggiori possibilità di trovare lavoro in altri settori del mercato del lavoro, può contribuire a un certo gruppo di mercati del lavoro. Diciamo le persone che stanno studiando.

Gaby: Più attivo, credo?

Martijn: No, non che siano più attivi, ma diciamo che le persone che vogliono diventare avvocati. Se stai studiando per diventare avvocato e stai facendo un po' di soldi lavorando in un bar, probabilmente questi dati non sono così importanti per il tuo futuro. Ma diciamo che stai facendo il babysitter tramite una piattaforma come CharlyCares e vuoi lavorare nel settore, allora puoi usare questi dati. Ma anche per le persone che non hanno alcuna storia lavorativa. Quindi ci sono diverse situazioni in cui questo potrebbe funzionare davvero bene per i lavoratori. È un aspetto che stiamo studiando per saperne di più.

Gabi: Va bene. E Wiggert, Roamler ha anche implementato Gig CV nella sua app. Perché avete scelto di partecipare a questo progetto?

Wiggert: Sì, è disponibile nell'app. Al momento è possibile scaricare facilmente il proprio CV Gig.

Gabi: Quindi posso usare il mio CV per ottenere uno stipendio più alto?

Wiggert:Potete provare, ma poi dovremo vedere quanti compiti avete eseguito. L'abbiamo implementato perché crediamo davvero che Roamler non debba essere vincolato a una sola piattaforma e che debba utilizzare anche altre piattaforme. E credo che questo sia un ottimo modo per consentire loro di possedere i propri dati. Il GDPR stabilisce chiaramente che hanno diritto a questi dati. E se dobbiamo fornirli, rendiamoli piacevoli e utilizzabili, senza cercare di frustrarli per ottenere i dati. Una cosa che hai menzionato, Martijn, è che hai detto che potresti usarlo... Ho sentito che hai detto: per passare a un lavoro regolare. Non lo vedo come un passo avanti. Lo vedo come un passo laterale o un passo diverso, ma ovviamente ci sono molte persone che vogliono lavorare su una piattaforma e in alcune fasi della loro vita la piattaforma funziona.

Gabi: E possono ottenerli semplicemente scaricandoli, scaricando da soli il Gig CV. Non devono andare su Roamler e chiedere a loro.

Wiggert: Ho una domanda per Martijn. Penso che il Gig CV, come hai detto tu, sia qualcosa che puoi usare per mostrare ai potenziali dipendenti cosa hai fatto in passato. Quindi, ad esempio, se fai il babysitter, potresti fare domanda per un asilo o qualcosa del genere. Penso che potrebbe anche essere un ottimo modo per le amministrazioni locali di aiutare le persone che si trovano in una fase di disoccupazione a muovere i primi passi, dove in una piattaforma si può essere più flessibili nel scegliere il proprio lavoro secondo i propri ritmi. Vede anche un'opportunità per i Gig CV, per portare le persone dalla disoccupazione attraverso le piattaforme a un lavoro regolare o forse più su piattaforme?

Martijn: Vedo anche questa, questa opportunità. E fondamentalmente si tratta di due domande. La prima è: Il lavoro su piattaforma può essere una soluzione per le persone disoccupate per ottenere un'esperienza lavorativa? E la seconda parte è: I dati che avete raccolto possono contribuire ad altre opportunità sul mercato del lavoro o sulle piattaforme? E sì, la vedo come una grande opportunità, ma vedo anche, parlando con molte amministrazioni locali, che l'idea piace ma hanno paura di sperimentare perché vogliono solo avere la soluzione perfetta per le persone, sapendo anche che una soluzione perfetta probabilmente non ci sarà mai. C'è anche il problema dell'uovo di gallina, perché vogliono aderire solo quando è perfetto. Ma può essere perfetta solo quando sperimentiamo. Per questo sto parlando con altre amministrazioni locali dei Paesi Bassi per cercare di fare un esperimento di questo tipo, perché è anche una delle parti di convalida del Gig CV per vedere se questi dati contribuiscono anche a creare maggiori opportunità per le persone nel mercato del lavoro.

Gabi: Qual è il futuro dei lavoratori delle piattaforme?

Martijn: Credo che l'unica domanda da porsi sia: come funziona il futuro delle piattaforme? Ma penso più in generale al futuro del lavoro e al ruolo delle piattaforme nell'organizzazione del lavoro, dove alla fine le piattaforme possono aiutare a mettere al centro il lavoratore e non un processo o un manager. Credo che questo sia uno sviluppo molto più interessante, perché non si parla più di "qual è il tuo status contrattuale"? Perché ci sono anche piattaforme per organizzare il lavoro all'interno delle organizzazioni. Alla fine, quando lavori per un capo in un'organizzazione, tu come lavoratore sai sempre meglio cosa vuoi fare e cosa puoi fare rispetto al tuo manager. Nel momento in cui si dà di nuovo questa autonomia al lavoratore e la si organizza tramite piattaforme. Allora penso che avremo un mercato del lavoro molto più flessibile, anche all'interno delle relazioni contrattuali esistenti. E poi si rendono le persone molto più responsabili del proprio lavoro, ma anche dei propri sviluppi.

Gabi: Sono completamente d'accordo e penso che questo si colleghi molto bene alla domanda di passaggio del nostro precedente ospite, Bart Gotte. Bart è un futurista d'impresa e ci ha detto che lei lo conosce molto bene. Ha una domanda interessante per lei. Le chiede quanto segue: Come prevede la prossima evoluzione di queste piattaforme, che diventeranno davvero degli ecosistemi arricchiti di funzionalità in modo da non essere solo un sistema di matching ma anche un ecosistema all'interno del quale lavorare?

Martijn: Penso che alla fine offriranno molti più servizi rispetto alla sola dimensione della domanda e dell'offerta, il che è positivo anche per le piattaforme stesse. Perché se si limitano a fare il matching, il vantaggio competitivo non è poi così grande. Diciamo che con Uber o in qualsiasi altro posto del mondo si tratta di una corsa in taxi da A a B. Ma credo che acquisendo maggiore esperienza e imparando a conoscere il funzionamento di questa piattaforma e di questo matching, si possano anche organizzare attività molto più complesse. E quindi sarà anche più interessante per una parte molto più ampia del mercato del lavoro.

Wiggert: Ho una domanda da aggiungere e la mia domanda sarebbe: Cosa vedi come opportunità per le piattaforme per la crescita delle persone? Se si guarda, ad esempio, a Temper, ci sono i corsi per baristi in cui si può seguire un corso per baristi e poi non solo si può diventare lavapiatti, ma anche baristi, giusto? Quindi penso che questo si adatti molto bene a ciò che le persone amano fare in termini di gratificazione immediata, ma anche per il lavoro.

Martijn: Penso che ci siano molte opportunità per le piattaforme, perché alla fine da un lato dovrebbero anche menzionare che stanno facilitando, in modo da non cercare di possedere il lavoratore, dall'altro lato, si hanno anche dei benefici quando le persone lavorano molte ore attraverso la vostra piattaforma e anche, naturalmente, a seconda della vostra piattaforma.
Quindi si tratta anche di cambiare una piattaforma: Come ottenere il massimo valore aggiunto per l'individuo e come coinvolgerlo nelle diverse fasi della sua carriera? Perché, ovviamente, si può decidere di dire: Voglio avere un lavoratore solo per un anno, poi ha molta più esperienza e quindi lo lasciamo andare. Ma, ovviamente, anche questo è un tipo di spreco. Soprattutto per la piattaforma, ma anche per il lavoratore. Penso quindi che le piattaforme possano fare molte cose, come aiutare ed educare i lavoratori. Ma è anche necessario avere un diverso tipo di compiti. Si può anche crescere all'interno delle mansioni e naturalmente ci sono già piattaforme che lo fanno, magari dando ai nuovi arrivati, ai nuovi lavoratori, un compito semplice. E da lì si può anche crescere nel proprio ruolo. E naturalmente se si guarda a 20 anni e si pensa a tutti gli sviluppi come il Web3 e le AFT e a queste cose tipo blockchain, si può anche pensare che forse si può organizzare il tutto in modo che

le persone investono anche in parte nella propria formazione, nel proprio futuro, magari pagando in prima persona, ma poi possono recuperare il denaro lavorando attraverso le piattaforme. Quello che si vuole fare è trovare un equilibrio, perché si vuole educare i ragazzi, ma si vuole anche che lavorino attraverso diverse piattaforme e come si fa a trovare un equilibrio in questo. Credo che questo sia un compito molto importante.

Wiggert: Penso che se i lavoratori delle piattaforme possono lavorare attraverso altre piattaforme e se guadagnano di più perché possono essere più efficienti. Questo è un vantaggio per il lavoratore della piattaforma e, alla fine, anche per noi. E credo che per noi sia più una sfida farli salire a bordo, trattarli bene e assicurarci che siano fan di Roamler che altro.

Gabi: Stiamo entrando nella fase finale di questo episodio. Torniamo sempre alla nostra domanda principale. Sulla base della nostra conversazione di oggi, Martijn, quali sono le principali tendenze dell'economia delle piattaforme e dei suoi utenti?

Martijn: Non c'è settore che mi venga in mente in cui le piattaforme non giochino un ruolo. Questo è un trend. Ma vedo anche che alla fine le piattaforme mettono al centro l'utente anziché il processo, e naturalmente ci sono persone che devono abituarsi a questo e alla fine anche le soglie di avvio di nuove iniziative si stanno abbassando sempre di più perché anche la tecnologia e il software stanno diventando più economici. Ma è anche molto importante rendersi conto che alla fine il successo di una piattaforma non dipende dalla tecnologia: con una buona tecnologia si possono costruire piattaforme davvero pessime e con una tecnologia scadente si possono avere piattaforme davvero ottime. E anche questo è un aspetto che ritengo molto importante da comprendere.

Gabi: Per il prossimo episodio abbiamo invitato un lavoratore della piattaforma, Wim Beverdam. Martijn, è il momento della tua domanda di passaggio per il prossimo ospite di Flexcast. Cosa vorresti chiedere a Wim?

Martijn: Allora Wim, quello che vorrei sapere da te è la domanda: Pensi che un'iniziativa come Gig CV sia interessante per la tua situazione personale? Perché e perché no? E infine, che tipo di dati ritieni sia utile ricevere?

Gabi: Va bene. Domanda molto interessante, che gli trasmetterò sicuramente nella prossima puntata. Questo ci porta alla fine di questo episodio, un ringraziamento speciale a Martijn Arets per essersi unito a noi in questa preziosa discussione sulle tendenze dell'economia delle piattaforme.

Ti è piaciuta questa conversazione e vorresti saperne di più sul resourcing flessibile o sul lavoro su piattaforma? Seguite Roamler su LinkedIn, dove condividono le ultime conoscenze, notizie e tendenze sul resourcing flessibile e sul lavoro su piattaforma.

Volete ascoltare l'intero podcast di Flexcast? Collegati qui!

Vota il tuo display preferito!